venerdì 27 novembre 2009

Ancora antica tradizione calabrese con le San Martine e Biscotti...

Buona sera cari dopo sto post mi ci vuole una tazzona di caffè...volete sapere perchè??

Continuate a leggere...se non vi rompete prima però....visto che sto post sarà lungo 10 mt!!!



Oh però ho battuto un record...30 foto in un post..roba da matti..!Però a dirla a tutta sto post si merita 30 foto e anche più...
lo so che vi sto proprio rompendo con st' antica tradizione calabrese...ma questi biscotti e dolcetti meritano di essere conosciuti e poi siamo o no nel periodo natalizio dove le tradizioni sono al clooo?!


Un consiglio lo volete? Leggete, guardate e assaporate quello che questa sera vi propongo..ne vale davvero la pena....



Questi dolciumi fanno parte della tradizione degli antichi sapori calabresi sono fatti con il lievito madre e cotti nel forno a legna..
Vi propongo ben 2...le San Martine, una sfoglia croccante che racchiude un ripieno unico e i biscotti da latte antichissimi fatti con la stessa sfoglia delle San Martine.

Ora piano piano cercherò di spiegarvi al meglio la realizzazione di questi dolci pre-natalizi che come da tradizione vengono regalati ad amici e parenti in occasione del Santo natale!

San Martine...
Biscotti...
Gli alberelli...

SAN MARTINE

Per il ripieno:
(Gli ingredienti sono un pò ad occhio e con questi dosi si ottiene un gran quantitativo)
1 kg di fichi secchi tritati (passati nel tritacarne)
250 gr di nocciole
450 gr di mandorle
100 gr di noci
250 gr di noccioline d' arachidi
500 ml di vino cotto
5 tazzine di caffè
4 tazze di cioccolata calda
1 goccio di anice
cannella in polvere in abbondanza
chiodi di garofano in polvere in abbondanza

Tritate le mandorle, le noci, le nocciole e le noccioline di arachidi grossolanamente.
Amalgamate tutti gli ingredienti, partendo dai fichi, la cioccolata, il caffè, l' anice, la frutta secca
e le spezie..ottenendo un' impasto abbastanza compatto..Ponete a riposare per una notte intera.
Per la pasta:

(noi ne abbiamo fatto 4 kg quindi ci siamo basati su 4 kg di farina, poi abbiamo utilizzato 2kg per le san martine e 2 kg per i biscotti..io comunque vi dò la ricetta base)

Per 1 kg di farina ci vogliono:
125 gr di zucchero
1 bicchierere d' olio di oliva
acqua q.b. per l' impasto
1 pezzetto di lievito madre circa 30 gr.

La sera prima o la mattina presto si prepara il primo impasto base, impastando (a mano è meglio) 500 gr di farina con il lievito madre aiutandovi con un pò d' acqua..lavoratelo a lungo realizzando un panetto compatto e duro che lascerete riposare per tutta la notta o tutto il giorno.
Il giorno seguente o in serata inserire nell' impastatrice l' impasto precedente, la rimanente farina, lo zucchero, l' olio e farlo lavorare per circa 10-15 min, aggiungete acqua se è necessario, fino a che il composto risulti compatto e morbido.


A questo punto io ho diviso l' impasto in due..

Per le san martine prendete un pezzo di pasta alla volta appiattitela con le mani e stendetelo nella macchina della pasta al n° 2 ricavando delle sfoglie medio-grandi


Ora si possono formare varie forme..la loro forma caratteristica è moolto particolare ci vuole arte e qui subentra la mamma io ho fatto due ed erano bruttissime ihihih:D

Stendete un pò di composto distanziandolo bene...

Applicate dei tagliatti con la rolletta sotto al ripieno



Richiudere facendo aprire i taglietti (io l ho fatto davvero male, menomale che c' è mamma) e fate aderire bene appiattendo con le mani



ritagliare ora con la rolletta





Abbbiamo fatto anche dei simpatici alberelli con le formine dei biscotti





Un' altra forma classica è quella delle lanterne (in dialetto sidernese 'lumere')
Dalle sfoglie ricavate un quadrato o un cerchio

e far aderire i bordi formando una stelletta (infatti non ho idea perchè vengono chiamate lanterne se somigliano più a delle stelle :o)

adagiare sulla superficie un pò di pasta a mò di decorazione
questa è già cotta e per decorazione ha una 'm' che sta per Michele il mio nipotino
e questo è l' interno..

Per i biscotti invece non è necessario stendere la pasta, prendetene un pezzetto alla volta e lavoratelo un pò con le mani e poi fomate dei filoncini non troppo lunghi

richiudete le estremità a mò di ciambelline
potete formare anche degli intrecci con 2 filoncini
O delle treccine con 3 filoncini

Man mano che si fanno adagliateli su un letto e copriteli con qualche coperta e farli lievitare per una notte intera (questo vale anche per i San Martini) e poi cuocerli..se siete sprovvisti del forno a legna potete cuocerli nel forno normale a 180° fino a doratura.
N.B. per capire quando sono ben lievitati c' è un trucchetto antichissimo, forse lo sapete già ma ve lo dico lo stesso, prendete un biscotto e adagiatelo su un pò d' acqua messa in una bacinella se il biscotto sta a galla è ben lievitato!

E questo?????
Qui ho giocato un pò per i miei 2 nipotini...l' ho decorato con glasse colorate fatte con zucchero a velo e colorante alimentare rosso, verde e giallo..

Con queste ricette partecipo alle raccolte:

Biscottiamo? di Micaela
Ricette in compagnia di Albicocca e Castagna
Basta un poco di lievito di Betty
Regali di Natale da gustare di Milena

Ora vado a prendermi il caffè accompagnato da una San Martina...:D kiss

19 commenti:

marifra79 ha detto...

Quanti meravigliosi dolcetti...non saprei dire qual'è il più buono!!!Bella l'immagine del blog...e già manca ormai poco al Natale!!!UN ABBRACCIO

Gisella ha detto...

Mi piacciono le ricette che hano una storia ed un significato. Brava.
Al posto del vincotto cosa potrei usare?
Buon week.

Clementina ha detto...

Ma che bel lavoro e che bei dolcetti. Bravissima e buona domenica

Fausta ha detto...

che belli che sono e mi piace tanto la sequenza di foto!!

Federica ha detto...

Ciao carissima! sei bellissima!!
e che mega carrellata di dolci! mi piacciono i dolci delle tradizioni e con tutti i passaggi..davvero ben spiegati!
non saprei quale scegliere..sono una delizia più buona dell'altra! complimentisssssssssssssimi!

iana ha detto...

wow, che meraviglia, sei bravissima!!!

fiorix ha detto...

@marifra79 carissima grazie..sono contenta che ti piaccia il look natalizio..!bacioni

@iana grazie mille troppo gentile:)baci

@federica grazie tesoro i tuoi complimenti mi riempiono di orgoglio..fatti da una maestra come te!graze grazie un abbraccio

@fausta grazie carissima ineffetti ho fatto un casino di foto proprio perchè esprimono più di mille spiegazioni!baci

@Clementina grazie cara gentilissima..buona domenica anche a te!

@Gisella grazie cara..allora il vino cotto può essere sostituito con della marmellata o con l' aggiunta di più cioccolata calda..però non ti garantisco il risultato visto che io non l' ho mai sostituito ma un' ottima variante secondo me sarebbe la marmellata perchè il vino cotto è molto simile come composto (a parte il gusto)..grazie ancora..bacioni e buon week end anche a te!

luxus ha detto...

belli!
quelli col vino cotto sembrano dei dolcetti che facciamo anche qui in sardegna.

Alice4161 ha detto...

Ciao fiorix.....buonissimi e bellissimi anche le tue san martine....pens te che differenz tra un aese e l'altro....poi csì vicini..(locri-siderno)....tutti questi dolci mi metto allegria perchè...ti pre-annunciano che arriva natale.


ciao a presto....e compliemnti sia a te che alla tua mamma.

baci

FairySkull ha detto...

io li adoro quei biscotti che voi chiamate san martine, io li faccio ogni anno ma non hanno nome !!! ;-) ciao !

lufantasygioie ha detto...

anch'io non sono tanto fortunata a vincere premi..però da quando partecipo ai blog candy,ne ho vinti 2...quindi mai disperare!
E poi toglimi una curiosità:hai un ristorante,una pizzeria o cos'altro!C'è il ben di Dio in questo blog....Ho finito di mangiare 2 ore fa e adesso mi è venuta di nuovo fame!Sei pericolosa,mia cara!
Ciao Lucia

Micaela ha detto...

Grazieee!!! quanto mi piacciono le ricette antiche e regionali!! corro ad aggiungere anche queste!! un bacione

GG ha detto...

Hai fatto benissimo a pubblicare questi dolcetti tipici della tradizione calabrese...se non c'è tradzione a Natale, allora quando??
Un bacione!
GG

dolci a ...gogo!!! ha detto...

che belle le tradizioni antiche e che belli tutti questi deliziosissimi biscotti,sei stata bravissima!!baci imma

Roberta ha detto...

ammazza O_O!!
complimenti per il post!!
ma soprattutto per questi biscotti!!!
adoro chi come me biscotta molto in questo periodo!
bravissima :D

Nanny ha detto...

Minuzioso reportage,sicuramente grazie al tuo passo passo non possiamo sbagliare,hai fatto bene a postare tutte le foto.
Deliziose ricette della tradizione :)

rebecca ha detto...

...ci lasci senza parole! quanto lavoro prenatalizio! queste meraviglie meritano di essere tramandate complimenti a voi per tutto!!!!
ciao Reby

rossella ha detto...

Bellissimi questi dolcetti, li conosco benissimo, perche'i miei genitori sono calabresi e per molti anni sono stata in villeggiatura vicino a Siderno. Bellissima la tua terra!!!!

siderno54 ha detto...

ciao,finalmente ho trovato una paesana,sono veramente contenta,questi dolci"Sammartine"li faro' la prossima settimana,quando tornano i miei figli,"la tradizione vuole cosi'"Gli ingredienti ci sono tutti,anche il vino cotto fresco di quest'anno.
Faremo anche le Nacatole con "u levatu"ma questa e' tutta un'altra storia e tu lo sai benissimo.Due giorni di lavoro....
ma si deve fare x continuare le nostre tradizioni sidernesi.
ciao "ti aggiungo tra i miei blogghisti.
ps:io sono di siderno ma x lavoro abito a serra san bruno.
ogni venerdi sera sono li a rigenerarmi,baci ester